Archivi categoria: Ingegneria

Linea Porte a Torino

serramenti pvcLinea Porte è una azienda storica di Torino, specializzata ovviamente in porte e serramenti in genere. Il suo affacciarsi sul web è motivato dalla volontà di mostrare al mercato la qualità dei suoi prodotti, completamente personalizzabili, difatti le loro creazioni sono innanzitutto rivolte ad architetti ed interior designer che cercano un’azienda capace di rendere solido ciò che fino a poco prima era solo un’idea o un disegno. I lavori sono effettuati con ogni tipo di materiale adesso disponibile per il mondo delle porte blindate Torino, dal classico legno, all’ottimo alluminio all’innovativo PVC. Gli oltre 40 anni di mestiere di dell’azienda, hanno consentito di sviluppare una forte esperienza nel campo dei materiali per i serramenti, fornendo così una conoscenza specifica su pregi e difetti di ognuno di essi. Il cliente, che sia un professionista o un semplice cittadino che sta chiedendo delle finestre alla Linea Porte, sarà delucidato su tutti gli aspetti e tutti i pro ed i contro di ogni materiale, così da consentirgli una scelta oculata e mirata sulla tipologia di materiale da usare per i suoi serramenti. Oggi quelli che vanno per la maggiore sono sicuramente i serramenti PVC Torino, questo grazie al basso costo ed alla facilissima manutenzione di questo innovativo materiale di costruzione. Il PVC infatti risente poco o niente del passare degli anni, ed è inoltre molto facile da tenere efficiente e pulito. Allo stesso tempo però dà un po’ un tocco assai moderno alla finestra, stonando quindi se l’abitazione in cui viene installato è invece in stile più classico. Linea Porte ci ha mostrato anche serramenti in materiali compositi, o in PVC con effetto legno, per far in modo da coniugare sia la grande economicità e facilità di manutenzione del PVC che l’indiscusso fascino ed appeal del legno, che se viene usato da migliaia di anni come materiali per serramenti, senza mai essere rimpiazzato completamente, un motivo ci dovrà pur essere! Per maggior informazioni potete visitare direttamente il loro sito web all’indirizzo lineaporteinfissi.it

Apparecchi Acustici

Oggi ci troviamo a parlare di apparecchi acustici, o apparecchi per udito, insomma quei piccoli concentrati di tecnologia che permettono a che ha perso, per un motivo o per un altro, la possibilità di ascoltare ciò che il mondo esterno produce, di riacquistare questo importantissimo senso e di vivere una vita migliore possibile. Gli apparecchi per udito nascono tanti anni fa, quasi 70, e la loro forma oggi fa quasi sorridere, erano infatti più simili a scatole di scarpe con una cornetta del telefono attaccata vicino che ad un apparato tecnologico.

apparecchi acusticiNegli ultimi 50 anni però come ben sappiamo, la tecnologia e la miniaturizzazione hanno fatto dei passi incredibili. Se solo facessimo vedere un comune smartphone ad una persona adulta di 50 anni fa, chiamerebbe l’esorcista! 😀 Questa tecnologia però ha portato anche importanti migliorie in ambito “medico”, e uno degli esempi più lampanti di queste migliorie sono proprio gli apparecchi acustici. Grazie infatti ad un centro di apparecchi acustici Firenze, abbiamo potuto conoscere gli ultimi modelli in commercio al giorno d’oggi, e siamo rimasti anche un po’ colpiti. Ci aspettavamo ovviamente degli oggetti piccoli e tecnologici, ma trasformare una disabilità in un qualcosa che addirittura è “più” di un orecchio normale, non ce lo saremmo ancor aspettati. Infatti gli apparecchi udito di oggi, oltre a donare di nuovo il senso dell’udito al paziente, gli consentono anche delle funzioni “smart” (passateci il termine), come la possibilità di collegarsi via bluetooth ad una sorgente sonora e quindi di ascoltare musica, parlare al cellulare tramite anche un piccolo microfono da tenere come una collana, ecc. Come avere degli auricolari fissi nelle nostre orecchie che però possiamo collegare wireless a che vogliamo, ed inoltre esternamente sono completamente invisibili, infatti gli ultimi apparecchi per udito sono nascosti direttamente all’interno del canale uditivo dell’orecchio. A volte si dice che con la tecnologia si sta esagerando, ma in questo caso ben vengano gli studi e le ricerche, se poi sono questi i risultati che si possono raggiungere!

Sapete cos’è una pompa per vuoto?

Si definisce come “pompa del vuoto” uno strumento meccanico il cui scopo è quello di eliminare aria o elementi gassosi da un ambiente circoscritto, risucchiandoli verso l’esterno e creando all’interno dell’ambiente in questione la condizione detta “di vuoto”, o assenza di aria.
La pompa a vuoto è un dispositivo che ha trovato nel tempo un grande riscontro in termini di utilizzo, sia che si faccia riferimento all’uso industriale, sia che ci si riferisca all’ambiente domestico o privato.
Esempi di utilizzo di pompa a vuoto sono di ordine comune, seppure in pochi sappiano effettivamente quale ruolo chiave rivesta questo strumento nella loro realizzazione.
Ad esempio, il meccanismo utilizzato per creare il “sottovuoto” in ambito alimentare, sfrutta il lavoro di una pompa a vuoto che, alterando la pressione gassosa da bassa ad alta all’interno del contenitore, si occupa di far fuoriuscire totalmente l’aria o il gas verso l’esterno. Oppure, nel riscaldamento o raffreddamento delle case, la pompa a vuoto viene utilizzata per risucchiare l’aria fredda o calda, a secondo delle esigenze, e l’umido presente negli ambienti.
Industrialmente, tuttavia, l’impiego della pompa a vuoto trova la sua più diffusa attuazione: ne troviamo traccia nel sistema frenante delle automobili, nelle serpentine delle celle frigorifere, dove aspira l’aria premettendo il passaggio e la stagnazione del liquido refrigerante; viene usata anche in medicina, nei processi che richiedano l’uso indispensabile della suzione; in ambito scientifico, nella costruzione dei microscopi; oppure, nei casi di fabbricazione dei tubi catodici delle tv, nella realizzazione di lampadine per illuminazione o valvole termoioniche.
Per natura, una pompa del vuoto viene generalmente considerata come un compressore. In realtà, tale definizione non è completamente corretta. I compressori, infatti, sfruttano un processo di pressurizzazione costante nel tempo mentre la pompa per vuoto, seppur sfruttando gli stessi processi di pressurizzazione, lavorano a pressione con aspirazione decrescente. Sarebbe, in termini di correttezza assoluta, definire la pompa vuoto come un depressore, poichè il suo scopo ultimo è quello di creare una depressione tramite il risucchio dell’aria.

pompa del vuoto palette
Esistono differenti varianti di pompe per vuoto sul mercato: a quelle piuttosto semplici, in plastica e gomma, si affiancano le pompe per vuoto rotative. Quest’ultime, utilizzando un mulinello collegato ad un motore, contribuiscono a spostare in senso orario il gas dalla zona di bassa pressione a quella di alta pressione, conducendolo a ritmo variabile verso l’esterno dell’ambiente.
Le pompe vuoto rotative possono essere ulteriormente suddivise in due famiglie: le pompe a vuoto a lubrificazione, che sfruttano la lubrificazione dell’ambiente per una maggiore resistenza ed efficienza nella divisione fra zone di alta e zone di bassa pressione, e le pompe a vuoto a secco.
Seppure più efficienti, le pompe del vuoto a lubrificazione sono generalmente escluse da processi di ambito alimentare, dato il (seppure lieve) rischio di contaminazione degli alimenti da parte del liquido lubrificante.
Anche a livello di utilizzo, esistono differenti tipi di pompa del vuoto, tra cui i principali sono le pompe a vuoto manuali o le pompe a vuoto a membrana. In termini generali, tuttavia, il funzionamento dei questi tipi di pompe a vuoto rimane lo stesso per ogni tipologia esistente.

Vuoi acquistare un Loft a Torino?

Un Loft. Sapete cos’è un Loft? Molti risponderanno “un appartamento!” Infondo han ragione, ma in realtà no. In quanto c’è una bella differenza tra un semplice appartamento ed un Loft. Perchè? Perchè un Loft è si un appartamento, ma senza muri. Eh si, avete capito bene! E’  un unico grosso spazio, dove ogni “stanza” ha la sua posizione, ed a parte l’area designata per il bagno ed i servizi igienici, il tutto è realizzato in un open space.

Loft Torino Questa tipologia di abitazione sta prendendo sempre più piede soprattutto tra i giovani lavoratori che si trasferiscono in città, è un modo simpatico ed anche interessante se vogliamo, per vivere in maniera diversa la propria quotidianietà, magari stupendo anche gli amici ed i colleghi alla vista di una casa che sembra così “grande” per l’assenza di muri separatori delle stanze. Abbiamo conosciuto una ditta giovane e dinamica che vende dei Loft Torino già pronti per essere arredati, dotati di tutte le comodità e con delle soluzioni energetiche davvero interessanti, pensate per produrre energia pulita e far risparmiare un bel po’ sulle normali utenze ai suoi inquilini. La vendita Loft Torino avviene dopo la scelta della metratura a disposizione, ce ne sono davvero tanti a partire da 40mq fino ad arrivare ai 200mq, situati in posizioni molto interessanti della città. Vi consigliamo di dargli un’occhiata qualora stiate cercando una soluzione abitativa a Torino e vogliate prendere qualcosa di bello ed alternativo, con un occhio al portafogli e che vi permetta di restare a centro città di muovervi a piedi senza bisogno di prendere necessariamente una macchina propria. La ditta Mondo e C. inoltre realizza anche Loft a Torino su specifiche del cliente, consentendo così a chiunque di creare il suo open space perfetto per i bisogni ed i gusti personali. Volete mettere la figata di avere l’auto parcheggiata in salotto? A noi piacerebbe davvero tanto!